I migliori film del 21° secolo secondo Sofia Coppola e Denis Villeneuve

Il petroliere (There Will Be Blood) di Paul Thomas Anderson (2007)
Ci sono delle inquadrature specifiche che mi sono entrate in testa come un proiettile. Come la scena in cui Daniel Day-Lewis battezza il bambino col petrolio, che fanno di questo film subito un classico.

Non è un paese per vecchi (No Country for Old Men) di Ethan e Joel Coen (2007)
L’immagine degli stivali neri del poliziotto che lasciano delle impronte sul pavimento mentre viene strangolato dal killer interpretato da Javier Bardem mi perseguita da quando l’ho vista.

Un profeta (Un prophète) di Jacques Audiard (2009)
Il cervo investito al rallentatore rimarrà una delle scene più potenti dell’ultima decade.

Under the Skin di Jonathan Glazer (2014)

Dogtooth (Kynodontas) di Yorgos Lanthimos (2009)
Credo che Lanthimos sia uno dei registi più entusiasmanti all’attivo.

Dogville di Lars Von Trier (2003)
La scelta di creare un set senza muri per mostrare la codardia della comunità è geniale.

I figli degli uomini (Children of Men) di Alfonso Cuaron (2006)

Inception di Christopher Nolan (2010)

Amores Perros di Alejandro González Iñárritu (2001)

Nell’articolo del New York Times potrete leggere anche le scelte di Paul Feig, Brett Ratner, Alex Gibney Antoine Fuqua.