Marta La Ferla

Leggi anche:

Leggi altri articoli di Marta La Ferla »

John Landis non vuole che suo figlio diriga il remake di “Un lupo mannaro americano a Londra”

Lo scorso autunno, Max Landis ha annunciato di stare lavorando alla sceneggiatura di un remake del leggendario film del padre, e che lui stesso ha intenzione di dirigerlo.

In un’intervista a Collider, John Landis ha detto di aver detto al figlio di lasciar perdere:

“Gli ho consigliato di non farlo”, ha dichiarato il regista, aggiungendo che però non ha ancora letto la sceneggiatura. “Credo si stia mettendo in una posizione scomoda. Mio figlio è geniale, lo è davvero, e ha intenzione di farlo. Quindi cosa dovrei dirgli? No? So che non sarà brutto come Un lupo mannaro americano a Parigi, che era proprio una merda. Quindi, non saprei.”

Di Un lupo mannaro americano a Londra, uscito nel 1981, è stato girato il sequel del ’97 sopra citato e un remake televisivo, entrambi dai risultati disastrosi.

Landis Jr, sceneggiatore di Chronicle e della serie Dirk Gently (distribuita in Italia da Netflix), aveva già fatto intuire che il padre – non coinvolto in alcun modo nel remake – non era entusiasta dell’idea: “Dovreste chiedere a mio padre cosa ne pensa”, aveva risposto durante un panel al Comic-Con di San Diego.

Al momento, quindi, i piani per questo remake continuano.

Fonte: IndieWire

 

Un lupo mannaro americano a Londra

1981
Di: John Landis
Con: David Naughton, Jenny Agutter, Griffin Dunne, John Woodvine, Lila Kaye, Joe Belcher

Due giovani studenti americani, Jack e David, in viaggio in Inghilterra, si ritrovano una sera di plenilunio in piena brughiera. Un lupo sbrana Jack e ferisce David, che viene ricoverato nell'ospedale in cui lavora Alex, infermiera che lo accudisce e del quale si invaghisce. David sembra riprendersi ma ha continue visioni di Jack, il quale cerca di convicerlo invano del fatto che le ferite subite lo hanno trasformato in un lupo mannaro, e che se non prenderà provvedimenti entro il prossimo plenilunio avverrà un massacro. David, noncurante, passa le giornate con l'infermiera fino alla sera di luna piena. All'indomani si risveglia nudo in uno zoo, tutto gli appare tragicamente chiaro, e da quel momento cerca di uccidersi. Ma sarà la polizia, al plenilunio seguente, a mettere fine al dramma.