Alessandro Gallo

Leggi anche:

Leggi altri articoli di Alessandro Gallo »

Tribeca 2018: 11 film da tenere in considerazione

Arriva la diciasettesima edizione del Tribeca Film Festival, e con se porta molti progetti piccoli ed interessanti. In questa lista stilata da IndieWire ci sono 11 titoli da tenere in considerazione perché potrebbero essere le perle più interessanti del festival.

Il Tribeca Film Festival si terrà dal 18 aprile al 29, al suo interno vedremo anche un film italiano Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli.

 

“Ryuichi Sakamoto: Coda”

Ryuichi Sakamoto Coda
Ryuichi Sakamoto: Coda

Uno dei più influenti, prolifici e scaltri compositori degli ultimi 30 anni, Ryuichi Sakamoto è esploso sulla scena scrivendo spartiti indimenticabili per film come “Merry Christmas, Mr. Lawrence” e “The Last Eperor“, e da allora il suo lavoro è diventato sempre più importante nel mondo del cinema. Quando a Sakamoto è stato diagnosticato un cancro nel 2014, ha deciso di dedicare tutto il tempo che gli è rimasto a un album che potrebbe fungere da lascito. Fortunatamente per noi, è ancora vivo ed ancora più fortunato è Stephen Nomura Schible che è riuscito a catturare nella cinepresa Sakamoto mentre medita sulla vita, registra il rumore ambientale attorno alle rovine di Fukushima e riconsidera i suoni che hanno riverberato la sua vita. Il risultato è un ritratto di un artista che è quasi altrettanto potente e necessario quanto l’artista stesso.

“The Elephant and the Butterfly”

The Elephant and the Butterfly
The Elephant and the Butterfly

In un grande festival come Tribeca, un piccolo curriculum può aiutare un film a distinguersi dalla folla,  è il caso di “The Elephant and the Butterfly” di Amélie van Elmbt film prodotto dai fratelli Dardenne con l’aiuto da produttore esecutivo di Martin Scorsese.

Questo dramma belga racconta la storia di un uomo che ritorna nella sua città natale con la speranza di riunirsi con la sua ex ragazza, solo per ritrovarsi bloccato a prendersi cura di una bambina che potrebbe essere o non essere sua figlia.

“The Rachel Divide”

The Rachel Divide
The Rachel Divide

Il Tribeca ha spesso programmato documentari che riportano cronache estrapolate dalle notizie recenti, spesso riuscendo a generare parecchio interesse.

Quest’anno, l’ultimo lungometraggio di Laura Brownson sembra essere il film più discusso del festival, fornendo uno sguardo esclusivo sulla vita di Rachel Dolezal, che ha fatto notizia quando si è rivelata una donna bianca diceva di essere una donna di colore.

Alla Brownson è stato concesso un accesso unico alla Dolezal e alla sua famiglia.

Prodotto da Netflix il film sarà distribuito sulla piattaforma dal 27 aprile

“The Party’s Just Beginning”

The Party’s Just Beginning
The Party’s Just Beginning

Karen Gillan – famosa soprattutto per i suoi ruoli in  “Doctor Who”, il Marvel Cinematic Universe e nel  franchise “Jumanji” – fa il salto alla regia con una storia personale sulla sua città natale scozzese.

Diviso in tre capitoli interdipendenti, il film segue Liusaidh (Gillan) mentre tenta di guarire da una terribile tragedia, principalmente prendendo decisioni terribili.

 

“Little Woods”

Little Woods
Little Woods

Questo è sicuramente il momento di Tessa Thompson a partire da Thor Ragnarok passando per i video con Janelle Monáe e arrivando al ruolo in Annientamento, la Thompson si è affermata come una delle attrici più interessanti in giro oggi.

In Little Woods Tessa Thompson interpreta Ollie, un Robin Hood del 21 ° secolo che contrabbanda farmaci dal Canada a prezzi bassi ai residenti di  Little Woods, North Dakota.

Il lungometraggio d’esordio della regista e sceneggiatrice Nia DaCosta, promette una tempestiva presa della crisi degli oppioidi guidata da due dinamici talenti emergenti.

“Nico, 1988”

nico, 1988
Nico, 1988

Abbiamo parlato spesso di Nico, 1988 film di Susanna Nicchiarelli che abbiamo visto in anteprima alla 74esima Mostra del cinema di Venezia. Questa è la recensione del film: Leggi Ora.

“Night Eats the World”

La premessa principale del debutto del regista francese Dominique Rocher è che un ragazzo si sveglia per trovare il mondo invaso dagli zombi.

Ma prima che tu possa dire “28 giorni dopo”, la presa minimalista di Rocher offre un’alternativa alla solita storia di non morti.

Il frenetico protagonista Anders Danielsen Lie (la stella drogata di “Oslo, 31 agosto”) si barrica in un appartamento dove può o può perdere la presa sulla realtà.

 

“Sunday’s Illness”

Sunday’s Illness
Sunday’s Illness

Una delle principali scoperte del Festival Internazionale del Cinema di Berlino del 2018 – ma tristemente poco celebrata – è Sunday’s Illness del regista spagnolo Ramon Salazar Hoogers film che esplora la vita di una donna di successo (Susi Sanchez) perseguitata da un oscuro segreto: ha avuto un figlia, secoli fa, chi ha abbandonato.

Nel bel mezzo di una cena di lusso per gli amici, sua figlia si presenta tra lo staff di catering, in uno scontro emotivo che imposta la maggior parte delle ambientazioni del film.

 

“O.G” e “It’s a Hard Truth Ain’t It”

It’s a Hard Truth Ain’t It
It’s a Hard Truth Ain’t It

Madeleine Sackler ha due film nel festival – “OG” in US Narrative Competition e documentario “It’s a Hard Truth Is not It” – entrambi basati sul tempo trascorso con i detenuti presso il Pendleton Correctional Facility, una prigione di stato di massima sicurezza in Indiana.

I due film funzionano come complementari con “It’s a Hard Truth Is not It” che serve come prequel di “O.G.”.

Madeleine Sackler ha trascorso cinque anni a lavorare con i suoi soggetti cercando di dare vita alle storie degli uomini che vivono in condizioni disumane.

“Nigerian Prince”

Nigerian Prince
Nigerian Prince

Quando un adolescente nigeriano-americano viene inviato in Nigeria – da sua madre e contro la sua volontà – si allea con suo cugino per truffare gli stranieri nel tentativo di raccogliere fondi per il biglietto di ritorno negli Stati Uniti.

Un anno fa, il regista Faraday Okoro è stato il vincitore del primo concorso di pitch Untold Stories di AT & T e Tribeca ed è stato premiato con $ 1 milione per il suo lungometraggio e il mandato di tornare a Tribeca il prossimo anno per la premiere del suo film.

È una delle iniziative più audaci che lavorano verso l’obiettivo di aumentare la diversità del grande schermo e sarà affascinante vedere i risultati.

 

Fonte: IndieWire.com